25 GIUGNO 2009 – 25 GIUGNO 2010

MICHAEL JACKSON
29 AGOSTO 1958 – 25 GIUGNO 2009

E’ già passato una anno!
Si esattamente 1 anno fa tutto il mondo era sotto shock per la morte del grandissimo MICHAEL JACKSON.
Mi sembra doveroso ricordarlo “ancor di più oggi”. E’ nei nostri cuori sempre ma oggi la sua musica risuona ovunque e questo è il miglior modo per tenerlo vivo!

MICHAEL JACKSON – STILL ALIVE! RIP.

 
Smile
(Charlie Chaplin/Michael Jackson)
 
Sorridi anche se il tuo cuore e’ in pena.
Sorridi anche se si sta spezzando. 
Quando ci sono nubi nel cielo,te la caverai.
se sorriderai tra la paura e il dolore
Sorridi e forse domani
vedrai il sole splendere per te
accendi il tuo volto di felicita’
nascondi ogni traccia di tristezza
anche se una lacrima e’ vicina
Quello è il momento di continuare ad andare avanti
sorridi a cosa serve piangere?
Ti accorgerai che la vita ha ancora valore
se solo tu continui a sorridere

Continua a leggere

We are the World 25 for Haiti!

Poco più di un mese fa HAITI è stata devastata da un terribile terremoto. Ad oggi le vittime accertate sono 217mila! Un numero davvero enorme e che fa impressione! 217mila persone hanno perso la vita quel giorno, quando la natura si è voluta far sentire con una fortissima scossa. Il numero delle vittime viene confermato dal Ministro Haitiano dell’Interno Paul Antoine Bien-Aimé che interrogato in proposito ha risposto: “Ci sono persone che parlano di 230 mila morti, ma per quanto ci riguarda, ne abbiamo contato un po’ piu di 217 mila. E queste sono cifre appurate”.

Tutto il mondo da quel giorno si è mosso come poteva per aiutare la popolazione Haitiana e per reperire ed inviare fondi per ricostruire e sostenere un paese distrutto. George Clooney ha messo in piedi un telethon, della durata di circa 2 ore, che ha coinvolto moltissime Star di tutto il mondo con una diretta da Los Angeles, Londra e San Francisco e che ad oggi ha raccolto -in collaborazione con ITunes, Mtv e le tv di tutto il mondo- circa 112mila dollari. Altro telethon è stato organizzato in Canada e in altre parti del mondo.

Oggi però c’è un’altra iniziativa interessante … ma anche criticabile…probabilmente!
Parlo di “WE ARE THE WORLD 25 for HAITI“: la nuova versione della splendida WE ARE THE WORD di Michael Jackson, Lionel Richie e Quincy Jones. Gli ultimi due hanno voluto riproporre una nuova versione di questa splendida canzone per poter raccogliere fondi da poter inviare ad HAITI. Certo non si può sicuramente criticare un’iniziativa che raccolga fondi per aiutare tutte quelle persone che adesso non hanno davvero nulla e non si può neppure dire che Michael Jackson non sarebbe stato il prima linea in questa causa. Criticabile però probabilmente è il modo! Concordo con i moltissimi artisti che affermano che WE ARE THE WORLD è nata con uno scopo e che è “intoccabile”! Se MJ fosse ancora tra noi avrebbe sicuramente fatto anche l’impossibile per aiutare questa popolazione ma forse con una nuova canzone, dedicata solo ed esclusivamente agli Haitiani: non sicuramente un remake! Tra l’altro penso che per il fatto stesso che è un remake non otterrà poi così tanti fondi pur essendo unica la canzone in se. Inoltre questa nuova versione si contrappone all’album HOPE FOR HAITI, contenente tutte le esibizioni degli artisti che hanno partecipato al telethon di George Clooney, che ha riscosso un successo strepitoso con oltre 171.000 copie vendute e figura primo nella classifica settimanale dei 200 album più venduti negli Stati Uniti.

Voi che pensate del nuovo remake di We Are the World (al di la dello scopo per cui è stato creato)? Eccovi il video … rimarrete stupiti della prima parte, sopratutto per una chicca che non vi anticipo. La seconda parte … beh … a voi i commenti!

Qui il canale wearetheword su youtube.

“WE ARE THE WORLD 25 for HAITI”: REMAKE!

“WE ARE THE WORLD for AFRICA”: ORIGINALE!

HOPE FOR HAITI (album) invece lo trovate in vendita su ITunes a 6,99$ (all’interno del video stesso troverete l’indirizzo per contribuire ed aiutare la popolazione di Haiti).

Ciao
Jus

11 settembre … in memoria!

 Ancor oggi seppur viste e riviste sono immagini davvero tristissssime! Ancor oggi non riesco a non riempire i mie occhi di lacrime ancor di più ricordando quello che lì ho visto con i miei occhi (seppur a distanza di moltissmi anni): dalle targhe alle bandiere alla chiesa di SanPaul in loro ricordo, al tunnel che le collegava al financial center e al grande enorme vuoto -un buco gigante- nello skyline di New York e nel cuore di tutti coloro che l’hanno vissuto in un modo o nell’altro!
 
Le immagini valgono davvero più di mille parole! Vive più che mai dentro di me e nel mio cuore!
  

 

 
 
 

Continua a leggere

For me e for You …

Smile …

Un Inno alla vita … a continuare sempre a credere fino in fondo ai nostri sogni! Ognuno di noi può fare qualcosa di grande ed unico … nonostante tutto e tutti.

Oggi ho inviato un sms che diceva circa così: ” oggi butta proprio male. Non so perchè mi prende così male, forse perchè ho l’impressione che abbia perso la vita e che non ci siano più speranze (per il futuro) … non lo so! Forse perchè stavolta non hanno vinto i buoni e penso che se non ci è riuscito lui che poteva non ce la faremo neppure noi piccoli mortali visto che già, se guardiamo alle nostre famiglie, spesso non ci riusciamo. So che è difficile capire (neppure io ci riesco) e neppure me l’aspetto. So che tu mi vuoi bene uguale …”

La risposta è stata: “tutto questo deve essere il tuo stimolo per portare avanti la tua vita con più grinta e determinazione”!

E’ vero … in questi giorni di riflessioni, pianti, nostalgia, rilettura di bellissimi testi quasi poesie mi sono resa conto che in fondo non ho fatto ancora nulla di grande e neppure di incisivo. Forse non ho abbastanza grinta quanto credevo di averne, forse non sono forte come pensavo, forse non sono tenace come credevo, forse il mio sogno non è abbastanza grande e profondo.
Il sogno di ognuno di noi può rendere il mondo più bello e migliore anche nel piccolo (If you care enough for the living, make a little space to make a better place). Sembrano parole fatte e dettate dal momento … forse è vero ma è quello che sento ora e quello di cui solo ora riesco a rendermi conto fino in fondo. La vita ci sfugge di mano secondo per secondo e dobbiamo davvero viverla fino in fondo non lasciando indietro nulla! Vivendo momento per momento, gioia per gioia, dolore per dolore, amore per amore e tutto ciò che ci viene regalato. Ogni momento è prezioso … devo ricordarmelo!

Continua a leggere

Earth Hour – L’ora della Terra!

banner_728x90

Il 28 marzo, dalle 20,30 alle 21,30 è l’ Ora della Terra – Earth Hour.
In tutto il mondo grandi città con i loro monumenti, piccoli comuni, aziende e singoli cittadini nelle loro case spengono le luci per chiedere ai grandi della Terra di agire contro i cambiamenti climatici. Un gesto semplice, per accendere un messaggio che risuonerà in ogni angolo del Pianeta. earth_hour

 

ADERISCI alla CAMPAGNA
e SPEGNI PER UN ORA LE LUCI

Countdown e sito ufficiale

Earth Hour: ecco come si svolgerà la maratona del clima

L’Ora della Terra, evento planetario WWF, attraverserà 25 fasce orarie, dalle coste del Pacifico ai paesi delle coste atlantiche, mirando a coinvolgere un miliardo di persone.

Il giro del mondo dell’Ora della Terra attraverserà 25 fasce orarie, dalle coste del Pacifico ai paesi delle coste atlantiche, mirando a coinvolgere un miliardo di persone con il click di un interruttore per una grande ola mondiale di buio.  Tutto inizierà alle 7.45, ora italiana, di sabato 28: dall’altro capo del mondo le prime a spegnersi (alle 20,30 locali) saranno le Chatham Islands, un piccolo arcipelago al largo delle coste neozelandesi, il luogo più lontano dall’Italia poiché distano circa 19.250 chilometri dal centro di Roma“. Dalla Nuova Zelanda in poi sarà un susseguirsi di spegnimenti spettacolari con Sydney, Pechino, Tokyo, Bangkok, Nuova Delhi, Mumbai, passando per Roma, Parigi, Atene, Madrid, Budapest, Copenaghen e finire a ovest con Rio de Janeiro, New York, San Francisco. Chiuderà la maratona Las Vegas .Per citarne solo alcune.  Continua a leggere

I° GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE

 

I° GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE

L’Aismme presenta il nuovo spot: testimonial Veronica Pivetti.

Il 28 febbraio 2009 si celebra in tutto il Mondo la I ° Giornata Mondiale delle malattie rare. Un’occasione importante per porre le malattie metaboliche ereditarie al centro dell’attenzione pubblica. Ma questa attenzione non deve durare solo un giorno

Le chiamano “malattie rare”, ma tanto rare non sono: si tratta di circa 600 patologie ereditarie che coinvolgono la biochimica del metabolismo e che si stima colpiscano un bambino ogni 500 nuovi nati. Eppure solo uno su quattro viene riconosciuto per tempo. Patologie che hanno una gravità variabile, che possono portare alla morte o irrimediabilmente incidere nella qualità della vita, ma che, comunque, possono nella maggior parte dei casi essere efficacemente contrastate nei sintomi se identificate precocemente. Ed è proprio all’identificazione precoce delle malattie metaboliche ereditarie che punta lo “screening neonatale metabolico allargato”, un test grazie al quale è possibile identificare fino a 40 malattie metaboliche per la cui terapia esistono evidenze scientifiche efficaci . Un test che, purtroppo, viene applicato solo in una piccola parte del nostro territorio.

Continua a leggere

In silenzio …

Giornata della Memoria …
In silenzio ascoltiamo, in silenzio ricordiamo …

Continua a leggere