Earth Hour – L’ora della Terra!

banner_728x90

Il 28 marzo, dalle 20,30 alle 21,30 è l’ Ora della Terra – Earth Hour.
In tutto il mondo grandi città con i loro monumenti, piccoli comuni, aziende e singoli cittadini nelle loro case spengono le luci per chiedere ai grandi della Terra di agire contro i cambiamenti climatici. Un gesto semplice, per accendere un messaggio che risuonerà in ogni angolo del Pianeta. earth_hour

 

ADERISCI alla CAMPAGNA
e SPEGNI PER UN ORA LE LUCI

Countdown e sito ufficiale

Earth Hour: ecco come si svolgerà la maratona del clima

L’Ora della Terra, evento planetario WWF, attraverserà 25 fasce orarie, dalle coste del Pacifico ai paesi delle coste atlantiche, mirando a coinvolgere un miliardo di persone.

Il giro del mondo dell’Ora della Terra attraverserà 25 fasce orarie, dalle coste del Pacifico ai paesi delle coste atlantiche, mirando a coinvolgere un miliardo di persone con il click di un interruttore per una grande ola mondiale di buio.  Tutto inizierà alle 7.45, ora italiana, di sabato 28: dall’altro capo del mondo le prime a spegnersi (alle 20,30 locali) saranno le Chatham Islands, un piccolo arcipelago al largo delle coste neozelandesi, il luogo più lontano dall’Italia poiché distano circa 19.250 chilometri dal centro di Roma“. Dalla Nuova Zelanda in poi sarà un susseguirsi di spegnimenti spettacolari con Sydney, Pechino, Tokyo, Bangkok, Nuova Delhi, Mumbai, passando per Roma, Parigi, Atene, Madrid, Budapest, Copenaghen e finire a ovest con Rio de Janeiro, New York, San Francisco. Chiuderà la maratona Las Vegas .Per citarne solo alcune. 



Alle 20.30 di sabato 28 sarà la volta dell’Italia
, in coincidenza con le principali capitali europee come Parigi, Copenhagen. Londra si spegnerà 1 ora dopo, alle 21.30 (ora italiana). L’evento prevede davanti al Colosseo la presenza di Francesco Totti:  insieme al WWF il Capitano della Roma spegnerà simbolicamente il simbolo della sua città. Allestimenti anche sul canal Grande, di fronte al Ponte di Rialto e di fronte alla Cupola di San Pietro
.

locandina_ecoconsigli_eh

banner_300_250

 

COS’E’?   QUALI CITTA’ DEL MONDO e DELL’ITALIA PARTECIPANO?

 

E’ semplice come premere un interruttoreIl 31 marzo 2007 Sidney si spegne per un’ora, coinvolgendo 2,2 milioni di cittadini, uniti nel semplice gesto del click dell’interruttore. Nel 2008 il gesto fa il giro del mondo e a rimanere al buio sono 370 città con 50 milioni di click che fanno di Earth Hour un movimento globale per la sostenibilità. Simbolicamente si spengono il Golden Gate Bridge di San Francisco, il Colosseo a Roma, Times Square a New York, il teatro dell’opera a Sidney e centinaia di altre icone. Si organizzano cene a lume di candela, cortei di fiaccole alle Fiji. Va al ‘buio’ la pagina di Google, si abbassano le luci negli studi televisivi dei tg in Australia. La Rete registra con video e foto da tutto il mondo un fenomeno planetario, sostengono l’evento il premio Oscar Cate Blanchett e l’oro olimpico Cathy Freeman.

Quest’anno il WWF con Earth Hour mira ancora più alto: oltre 80 paesi, più di  2000 città in tutto il mondo di cui oltre 100 in Italia, si sono mobilitati (guarda la mappa).

Tutti insieme chiedono con forza ai leader del Pianeta di agire contro i cambiamenti climatici.

In Italia, il WWF si è posto un grande obiettivo. Fare di più dello scorso anno, dare un segnale ancora più forte: perché quest’anno il nostro Paese ospita il G8 e il clima sarà un tema costante nell’agenda internazionale, fino alla Conferenza di Copenaghen prevista per dicembre.

Non a caso il WWF ha definito il 2009 “Anno del Clima”: un anno decisivo per spingere i governi e le istituzioni a compiere le scelte giuste. Un anno che il WWF Italia ha inaugurato consegnando un simbolico Calendario del Clima al Presidente della Camera Fini, al Quirinale, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla Conferenza Stato Regione, ai sindaci di centinaia di comuni e ai Presidenti di 10 Regioni italiane: per ricordare loro che non c’è più tempo da perdere.

Un anno il cui il WWF continua il suo impegno: Earth Hour è infatti una tappa fondamentale della Campagna Generazione Clima  che, al suo terzo anno, si pone l’obiettivo di attivare imprese, istituzioni e cittadini nella lotta ai cambiamenti climatici.

Il 28 marzo è una data cruciale di questo Anno del Clima. Ecco perché è importante il coinvolgimento di tutti, anche il tuo. Un impegno che non si limiti allo spegnimento della luce il 28 marzo 2008 dalle 20.30 alle 21.30, ma che si tramuti  in un impegno quotidiano nel risparmio dell’energia e spieghi a chi ti è vicino l’importanza del tuo gesto.

LE CITTA’ PARTECIPANTI IN ITALIA
LE CITTA’ PARTECIPANTI NEL MONDO

Advertisements

2 Risposte

  1. Ho sempre partecipato a quest’iniziativa e non mancherò di certo quest’anno anche se mi chiedo a cosa servirà mai se negli altri 364 giorni dell’anno vige l’anarchia energetica…

    Un abbraccio e buon weekend

  2. Ciao Carissimo, presumo che lo scopo principale sia di sensibilizzare il mondo intero su un grande problema. In fondo dovremmo tutti responsabilizzarci un pochino e, come dici tu, non solo oggi.
    Un bacio e buon weekend anche a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: