U.S.A. 2


CLICCA SULLA FOTO PER VEDERLA
LE FOTO SONO DI PROPRIETA’ ESCLUSIVA – COPERTE da COPYRIGHT
© 2009 Justine Martini

Rieccomi di nuovo qui pronta a raccontarvi un altro pezzettino del mio viaggio.
RACCONTI di VIAGGIO 2

PHILADELPHIA/WASHINGTON
07-08/01/2009

Oggi grande giorno. Siamo andati a ritirare la macchina all’autonoleggio Dollars (pagata veramente poco con navigatore, 2 guidatori e assicurazione all inclusive) e siamo partiti per Philadelphia. Purtroppo la giornata è piovosa e questo a Philadelphia non ci ha proprio aiutato. Il nostro programma prevedeva la Liberty Bell (campana simbola mondiale della Libertà che è stata suonata il 4 luglio quando è stata proclamato l’indipendenza degli Stati Uniti), Independence Hall (dov’è stata firmata la dichiarazione di indipendenza), National Costitution center (dov’è conservato il documento originale della prima Costituzione Americana e della Dichiarazione di Indipendenza), Library Hall, Congress Hall, Old City Hall (Corte suprema americana fino al 1800). Programma intenso ma avevamo fatto conto che nel giro di 2 orette e mezza avremmo dovuto farcela … senza però tener conto dell’incessantissima pioggia, degli operatori che durante l’orario di apertura se ne sono andati lasciandoci chiusi fuori sotto la pioggia, e dei preparativi per Barack Obama (il National Costitution Center era chiuso perchè ospita anche il Museo AfroAmericano e dovevano aggiornarlo e prepararlo per il 20gennaio2009)!! Che fortunaaaa!!!  Confesso dopo 1 ora e mezza ero così arrabbiata che siamo risaliti in auto e abbiamo proseguito per Washington (come da programma).

WASHINGTON
Dopo circa 2,30 di auto finalmente … Washington …!  Che sogno!
Iniziamo subito con Arlington dal cimitero militare dove c’è il Milite Ignoto e la tomba di J.F. Kennedy e Jaqueline con i loro 2 figli.
Emozionante e toccante. Kennedy e Jaqueline erano davanti noi forse, finalmente, felici assieme. Ho ammirato tanto la loro storia e vita seppur controversa e infelice. Ognuno vive le cose a modo suo e io ho vissuto questa storia come tutta l’atmosfera di Washington in un modo stranissimo. Tutto emozionantissimo. Il Congresso -The U.S. C apitol- (visto tutto all’interno) e la sua imponenza, la Libreria del Congresso, la Casa Bianca, il Washington Monument, il Lincol Memorial e il Jefferson Memorial, Georgetown, DuponCircle, la Corte Suprema, il Pentagono (siamo anche stati fermati dalla polizia…e per poco arrestati ma il mio Matthew con la frase miracolosa “I’M A TOURIST, I’M A TOURIST, I’M ITALIAN ci ha salvato)…gli incontri con l’auto Presidenziale e le Limousine dei Senatori … tutto tutto tutto è stato unico e incredibile. Quel giorno c’erano gli ultimi 5 Presidenti degli Stati Uniti d’America (Carter, Bush -padre-, Bush Jr, Clinton e Obama) come non emozionarsi?! Alla fine di quella splendida giornata ho scritto una mail alla mia mamma e mi ha risposto che non mi aveva mai sentito così felice ed entusiasta.

BALTIMORA
La seconda sera invece di dormire nuovamente a Washington, ci siamo trasferiti a Baltimora (anche perche il giorno dopo, al mattino, avevamo l’aereo per Boston). Abbiamo fatto un giro veloce e poi siamo crollati dalla stanchezza.

BOSTON (HARVARD)
Il giorno (09.01.2009) dopo abbiamo preso l’aereo per Boston con la Delta Airlines e una volta arrivati, abbiamo scaricato le valige in Hotel e siamo partiti alla volta di Harvard … ragazzi da studentessa di Giurisprudenza (ma anche da non) è fantasticaaaaa!!!!!
Un mondo a se, un paese con biblioteche gigantesche aperte 24h su 24h, scuole, negozi, pub, librerie caffè … di tutto!
Tutto attrezzato con il wireless. E poi parchi e giardini tutti ricoperti di neve e con enormi alberi, e le casette degli studenti che vedevamo uscire ed entrare con il portatili (tutti Mac) … un mondo a se! Da perdersi. Bello Bello Bello Bello Bello. Pensate che sono km e km e km di zone universitarie (Harvard, Cambridge, Boston University e MIT) una al fianco all’altro che alla fine occuperanno una provincia. Bellooooooooooo!

BOSTON (FREEDOM TRAIL)
Il giorno successivo ci siamo dedicati alla Freedom Trail (linea rossa) che attraversa tutta la città e ripercorre il sentiero della libertà dalla schiavitù degli inglesi. Bellissimo percorso che ti permette anche di visitare Boston. Si arriva fino alla U.S. Costitution, nave della marina americana ancora intatta. L’ultima ancora in mare al mondo. E’ stato interessante e la ns guida -un marinaio- era propria carina! 😉 Il ritorno l’abbiamo fatto con un traghetto che fa la spola dalla U.S. Costitution al centro di Boston, che offre una bellissima vista sull’harbor di Boston e sulla città.
La zona più bella… sicuramente il Quincy Market, dove ci sono una miriade di ristoranti diversi ove poter mangiare qualcosa di decente. Questo è poi circondato dal North Market e South Market ricchi di negozi e bancherelle.

L’ultimo giorno dopo l’abbiamo passato sotto la neve (tanta neve). Abbiamo ritirato la macchina per rientrare a  New york e abbiamo girato (prima di partire) Beacon Hill, Cambridge, il Mit e siamo tornati ad Harvard!

NEW YORK
11-18/01/2009

Alle 16.00 prendiamo la strada per New York … per i nostri ultimi giorni di soggiorno.
Prima di andare in hotel siamo tornati a Brooklyn per la vista di Nyc e del ponte di notte. Fantasticooooo!
Lo skyline è davvero incredibile. Sarei rimasta ore a guardare quel panorama eccezionale.

Nei giorni successivi abbiamo visto:

NEW YORK – MIDTOWN 
ROCKEFELLER CENTER

NBS NEWS (TV) Visita studi televisivi 
Radio City Music Hall visita all’interno sconsigliata
TOP OF THE ROCK (vista dall’alto di NYC)
CATTEDRALE di ST. PATRICK 
TRUMP TOWER e la sua cascata
MOMA
5th Avenue
fino all’HOTEL PLAZA – Hotel più bello di tutta New York
GRAND CENTRAL TERMINAL STATION
(visita interno)
NEW YORK PUBLIC LIBRARY
TIME SQUARE

NEW YORK – Lower Manhattan 
STATUA LIBERTA’
ELLIS ISLAND
(2 orette)
BATTERY PARK (il Ferry Staten Island è gratis e si vede tutto lo skyline di Manhattan)
WORD FINANCIAL CENTER
WALL STREET –  FEDERAL RESERVE
GROUND ZERO & St. PAUL CHURCH
(dove si rifugiarono i superstiti WTC)

CITY HALL – NEW YORK STOCK EXCHANGE e STATUA GEORGE WASHINGTON – PONTE DI BROOKLYN – 21CENTURY

SOHO – NOHO – TREBECA – NOLITA 

NEW YORK – CENTRAL PARK e UPPER MANHATTAN (HARLEM)
HARLEM
visita quartiere e coro Gospel (arc)

CENTRAL PARK
, Passeggiata nel parco (v. statua Balto), Belvedere Castle, Dakota (John Lennon) + Strawberry Park

MUSEO di STORIA NATURALE

MET

GUGGENHEIM MUSEUM

NEW YORK – MIDTOWN
ONU – Palazzo di Vetro
CHRYSTLER BUILDING e FBI 

CROCIERA sull’HUDSON
MADISON SQUARE GARDEN
EMPIRE STATE BUILDING BY NIGHT

NEW YORK – DOWNTOWN   
EMPIRE STATE BUILDING Vista Città di giorno.
MADISON SQUARE
FLATIRON BUILDING

GRAMERCY PARK – UNION SQUARE
GREENWICH VILLAGE
EAST VILLAGE
(New York University)

Per quanto rigurda i musei di New York li abbiamo visti tutti (anche se il Met non siamo riusciti a vederlo tutto) e in ordine ci è piaciuto di più:

MET (senza ombra di dubbio il più bello. Enorme -ci vogliono almeno 2 gg per vederlo tutto- ma ben ordinato e ben tenuto);
GUGGENHEIM MUSEUM (affascinante e bella anche la sola struttura esterna. Le opere sono ben disposte e ordinate);
MOMA (io mi sono divertita … gli altri si sono sentiti presi in giro. E’ molto soggettivo io l’ho preso in tranquillità. Non è facile da capire e ancor meno da apprezzare se non si è appassionati di arte moderna);
MUSEO di STORIA NATURALE … ecco qui mi sono sentita io presa in giro perchè sono quasi tutte riproduzioni. Agli altri è piaciuto.

L’ultimo giorno l’ho passato dai miei parenti e sono stata così bene che ci tornerei subito da loro.
Sono stati gentilissimi, mi hanno fatto vedere le loro case e la loro città. Bellisssssssimo e sono felicissima di averli conosciuti e rivisti. Tra l’altro il paese – Croton On Hudson – dove abitano è davvero bello. Immerso nella natura e nella neve. I boschi sono ricchissimi di cervi, cerbiatti e scoiattoli che in inverno arrivano nei paesi in cerca di mangiare e noi siamo stati così fortunati da riuscire a vedere un cerbiatto e gli scoiattoli dalla finestrona della “family room” (soggiorno che loro chiamano stanza della famiglia) mentre mangiavano dei semi gettati sul vialetto della loro casa. Si perchè la gente del luogo, sapendo quanto scritto sopra, quando nevica gettano dei semini cosicchè possano mangiare.

Ora vi lascio e vado a dormire.
Un abbraccio
Justine

 

 LE FOTO SONO DI PROPRIETA’ ESCLUSIVA – COPERTE da COPYRIGHT
© 2009 Justine Martini
Advertisements

4 Risposte

  1. Ciao bellaaaa!!
    Un salutino pure a te….ora mi leggo per bene il tuo post sugli USa con tanto di foto (è il mio sogno andare in america)
    ….che bella la tua boxerina!!!!! è davvero stupenda, secondo me sono i cagnetti + belli!…
    la mia purtroppo xò non c’è + ! Magari fra un paio di mesi ne prendiamo un’altra xò :))

    baciiiiiiiii

  2. O caspita mi dispiace tanto!
    La ns Maya è un terremoto ma è bellissimaaaa ed effettivamente è una razza spettacolare.

    L’america è stata un’esperienza indimenticabile e adesso vorrei tornarci il prima possibile. Difficile raccontarla in 2 post e in così poche foto su più di 1700. Cmq merita davvero e non tanto per i paesaggi quanto per le persone e la vita.

    Baciotti
    Justine

  3. Rimangono l’ultimo posto dove metterei piede ma devo dire che il tuo diario ed il tuo racconto sono veramente un invito a cui è difficile resistere!

  4. Ciao Caro, sai che fino ad 1 annetto e mezzo fa dicevo la stessa cosa? Quando ho conosciuto Matthew e mi ha detto che era stato in America gli ho risposto “per fortuna che ci sei già stato xè con me non ci andresti mai!”. Invece … alla fine gli ho chiesto di ritornarci! Eheheh cose che capitano … dopo Dubai e dopo aver sentito un servizio su alcuni ragazzi italiani emergenti a New York mi ha incuriosito … e trovata un occasione siamo partiti. NYc dopo la delusione iniziale mi ha conquistato per le persone, per la loro gentilezza, per il loro modo di fare e di vivere. Ho conosciuto attraverso i miei parenti la vita vera … e mi è piaciuta. In fondo hanno, poi, più natura loro che noi. Appena esci dalla grande metropoli ci sono distese di coltivazioni, boschi, verde …. le uniche casette (tra l’altro rare) che trovi sono quelle tipiche il legno. Bellissimoooo davvero. Non l’avrei mai detto. Vedere lungo strade e autostrade … cerbiatti e cervi … appena fuori da Nyc. Grandissime parchi naturali dove fare pic nic e con la barchetta navigare su uno dei tantissimi grandi laghetti che ci sono! Una meraviglia. Ci tornerò di sicuro. Offre tutto … la grande città (la più grande città) e a meno di 40 min la natura incontaminata. Mi sono ricreduta su moltissime cose anche se da qui non l’avrei mai detto. Con questo non voglio convincerti ehhhh … sono solo le mie impressioni!
    Un grande abbraccio. Justine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: