Ingrid Betancourt LIBERA

Ho appena sentito la bella notizia (battuta alle ore 21.40):
INGRID BETANCOURT E’ STATA LIBERATA assieme ad altri 15 ostaggi.
La sua prigionia durava dal 2002.
Finalmente libera … libera dopo 6 anni in mano alle FARC.
Libera dopo 6 anni di prigionia che l’ha ridotta in fin di vita.

Libera grazie ad un bliz delle forze armate colombiane che attraverso alcuni infiltrati hanno prima localizzato gli ostaggi e poi li hanno liberati. L’operazione è stata chiamata “Operazione Scacco”.

Il figlio dopo le preoccupazioni dei mesi scorsi destate per la salute della madre oggi dichiara di aver ricevuto la notizia più bella. Finalmente si potranno abbracciare e con lui un abbraccio virtuale arriverà da tutto il mondo!
Qualche mese fa era stata liberata Clara Rojas candidata alla vice presidenza con Ingrid.

LEGGI NOTIZIA ANSA 21.40 del 02 luglio 2008
VEDI NOTIZIA su ANSA LIVE

LEGGI ULTIMA NEWS ANSA 08.22 del 03 luglio2008
TUTTE LE FOTO più belle

INGRID finalmente LIBERA  
Bellissima quest’immagine … !

Il marito (nella foto con Ingrid e la madre) dichiara che Ingrid “perfetta e lucida”. Ha aggiunto: “La liberazione di Ingrid provoca un sentimento così forte che le parole non possono descriverlo”.

LEGGI ULTIME NEWS da tutti i più importanti quotidiani del mondo da NY al Chile all’Italia

La liberazione di Ingrid per “Le Figarò” quotidiano francese LEGGI
Foto, video e notizie da “Le Monde” LEGGI
Il New York Times LEGGI
“Times OnLine” LEGGI
Foto gallery e news da “Bild” LEGGI
“El Mundo” LEGGI
“LaNation” Argentina LEGGI
“Miami Herald” LEGGI
“ElMercurio” Chile LEGGI
“O Globo” Brasil LEGGI

da TGCOM

Ingrid Betancourt, da sei anni ostaggio dei ribelli colombiani, è stata liberata grazie a un blitz dell’esercito. Rilasciati anche tre ostaggi Usa e undici militari. Lo ha annunciato il ministro della Difesa colombiano Juan Manuel Santos. La Betancourt e gli altri ostaggi sarebbero in condizioni “ragionevolmente buone”. Il figlio della ex candidata franco-colombiana: “E’ la notizia più bella della mia vita”.

Negli ultimi mesi si sono rincorse le voci sul deterioramento del suo stato di salute ed erano apparse delle immagini che la ritraevano molto dimagrita. Nel dare la notizia della liberazione della Betancourt, la Cnn ha citato il ministero della Difesa civile colombiano ed ha ricordato che nei giorni scorsi si trovavano in Colombia due mediatori impegnati sul caso, uno di nazionalità francese, l’altro svizzero.

Il ministro ha reso noto, nel corso di una conferenza stampa, che l’ex candidata presidenziale e gli statunitensi Thomas Howes, Keith Stansell e Marc Gonsalves, sequestrati nel 2003, sono state liberati in un accampamento delle Farc. Gli ostaggi al momento si stanno spostando in elicottero verso San Jose del Guaviare, capitale della regione. Betancourt, i tre statunitensi e gli undici militari liberati saranno trasferiti nella base aerea di Toleimada, nel dipartimento di Tolima, a meno di 190 chilometri da Bogotà.

La liberazione: un’operazione in tre fasi
Due guerriglieri delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) sono stati catturati nel corso del blitz dell’esercito. Lo ha detto il generale Jaime Padilla de Leon, descrivendo in dettaglio la ”Operazione Scacco” con la quale sono stati liberati gli ostaggi. L’operazione, ha spiegato, era organizzata in tre fasi: la prima ha consistito nell’individuazione della zona dove gli ostaggi erano trattenuti dalle Farc, nella regione di Guaviare (sud del paese) un ”lavoro di intelligence ed infiltrazione” della cupola del gruppo guerrigliero e la seconda nell’operazione di riscatto. La terza fase, ha aggiunto Padilla de Leon, consisteva nel piano alternativo preparato in caso l’operazione di riscatto fallisse, il che non è avvenuto.

Il figlio : “La notizia più bella”
“E’ la notizia più bella della mia vita”. Così il figlio di Ingrid Betancourt, Lorenzo Delloye, ha commentato il rilascio della madre.

Usa: “Operazione brillante”
Una ”brillante operazione” e un ”enorme successo” che sono merito esclusivo del governo colombiano: cosi’ fonti del Dipartimento di Stato, citate dalla Cnn, hanno commentato la notizia della liberazione di Ingrid Betancourt e di altri ostaggi delle Farc. Il Dipartimento di Stato ha reso noto che gli Usa erano stati informati dal governo colombiano dell’imminenza dell’operazione, ma hanno sottolineato di non aver preso alcuna parte in un successo il cui merito, e’ stato ribadito, va al governo colombiano.

Vaticano: “Il Papa è molto contento”
Papa Benedetto XVI ha appreso la notizia della liberazione di Ingrid Betancourt e “è molto contento”, anche in seguito all’appello rivolto martedì alla Colombia. Lo ha riferito ad Apcom il direttore della Santa stampa della Sede, padre Federico Lombardi, sottolineando la felicità del Vaticano: “Siamo molto contenti – ha detto – è una bella notizia e speriamo in un segnale promettente per un cammino di vera pacificazione più ampio e duraturo in tutto il Paese”.

******************************************************************************************************************

COS’E’ SUCCESSO …

 Nel febbraio 2002 un aereo in volo da Florencia a Bogotá (circa 1000 Km) fu dirottato da membri delle FARC e costretto ad atterrare vicino alla cittadina di Neiva, molti dei passeggeri furono sequestrati, tra cui un membro del Congresso. In conseguenza di ciò, Pastrana annullò le trattative con le FARC e revocò la zona smilitarizzata, accusando le FARC di avere rotto i termini del negoziato e di aver approfittato della zona smilitarizzata per crescere in forza mililtare e organizzazione logistica.

Nel 2002 la Betancourt era candidata alle elezioni presidenziali della Colombia e insieme ad un altro candidato, voleva visitare la zona smilitarizzata nonostante l’interruzione delle trattative e chiese di esservi portata da un aereo militare. Il presidente Pastrana e altri ufficiali rifiutarono la sua richiesta, sostenendo che né il governo né l’esercito colombiano avrebbero potuto garantire la loro sicurezza durante le operazioni militari tese a riprendere il controllo della zona. Inoltre il suo essere candidata era d’ostacolo; soddisfare la sua richiesta avrebbe anche significato che il governo in carica impiegava risorse per sostenere l’interesse politico privato dei due candidati.

Vistasi negare il supporto governativo, Ingrid Betancourt decise di recarsi nella zona smilitarizzata via terra, insieme alla sua candidata-vice Clara Rojas e a un gruppo di persone del suo staff.

Il 23 febbraio 2002 fu fermata dall’ultimo posto di blocco militare prima di entrare nell’ex zona smilitarizzata. Gli ufficiali insistettero per convincere il gruppo a non proseguire fino a San Vicente del Caguan, il paese usato come base degli incontri durante le trattative. Il gruppo proseguì il viaggio e la Betancourt venne trattenuta da uomini delle FARC che la tennero in ostaggio. (fonte Wikipedia)

OGGI 02/07/2008 VIENE LIBERATA

Annunci

Una Risposta

  1. Ogni tanto qualche buona news c’è ancora. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: